Obiettivi e ambiti di interesse
L'indagine sulla mobilità geografica dei dottori di ricerca è una indagine campionaria che ha come popolazione di riferimento le persone che nel 2006 hanno conseguito un dottorato di ricerca in Italia. La rilevazione permette di quantificare e qualificare il fenomeno del brain drain in Italia e di costruire una base informativa utile ad analizzare il fenomeno e valutare le iniziative predisposte dalle istituzioni pubbliche per favorire il rientro dei "cervelli". L'obiettivo principale dell'indagine è definire la consistenza, le caratteristiche e le motivazioni del flusso di persone altamente qualificate (dottori di ricerca) che dopo aver ultimato il proprio percorso di studi in una determinata regione italiana, decidono di trasferirsi altrove.
Tramite l'indagine si intendono reperire informazioni concernenti i seguenti ambiti:
  • Storia accademica dell'intervistato: informazioni sul corso di laurea, sul dottorato di ricerca (comprendendo anche i soggiorni all'estero, le pubblicazioni e i brevetti, le attività di docenza, ecc.) e su eventuali altri corsi di specializzazione.
  • Attuale situazione occupazionale: luogo di lavoro, descrizione del lavoro e del posto di lavoro, forma contrattuale, anno di inizio dell'attuale lavoro, attinenza del lavoro con il dottorato di ricerca, soddisfazione del lavoro svolto, ecc.
  • Mobilità territoriale: motivazioni e fattori che hanno spinto l'intervistato a trasferirsi in un'altra regione o stato, ovvero motivazioni che hanno spinto l'intervistato a non cambiare residenza; progetti per il futuro (compresi eventuali trasferimenti), aspettative, intenzioni; verifica della conoscenza degli strumenti e delle politiche per il "rientro dei cervelli".
  • Situazione occupazionale passata: ricostruzione della situazione lavorativa dal conseguimento del dottorato al momento dell'intervista con riferimento a ciascun lavoro che ha comportato un trasferimento (cambio di residenza/domicilio) di durata superiore ai sei mesi.
  • Redditi da lavoro percepiti nel 2010.
  • Caratteristiche anagrafiche e familiari dell'intervistato: genere, età, stato civile e luogo di nascita, composizione del nucleo familiare, titolo di studio dei genitori e del coniuge o convivente, condizione occupazionale e professione dei genitori e del coniuge o convivente.
L'indagine è di tipo telefonico e si avvale di intervista web solo nel caso in cui vi sia un'oggettiva impossibilità a svolgere l'intervista telefonica.
Unione Europea Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali FSE